venerdì 17 agosto 2018

Nuovo calendario online 💓

Il sole ha cominciato a dorare da pochi minuti
le dolci increspature dell'acqua.
Sento odore di salsedine e guardo
il va e vieni delle onde
che mi è stato maestro in questo pezzo prezioso d'estate.
Ancora poche ore
davanti a questo meraviglioso spettacolo,
a questo mare amico che ci dona così tanto!

E in questo ultimo scampolo di vacanza
il mio pensiero corre a voi, cari amici del Medit-ire.
Eccomi!
Da lunedì riprende il nostro calendario online.


Il nostro percorso, come vedete, è arricchito da un nuovo appuntamento, quello del venerdì #gratitudine sempre.
Sarà il giorno dedicato al riconoscimento dei doni.
Mai un giorno senza un dono, sarà il leitmotiv
che accompagnerà i nostri venerdì.

E riprenderemo il lunedì #consapevole per scelta,
il mercoledì #riposa nell'essenziale 
e il giorno per celebrare i nostri percorsi settimanali
sarà la domenica #onore ai miei passi.

Ripartiamo da lunedì
e non vedo l'ora di ricontattarvi!!! 😊😊😊

Per il momento
BUON GIORNO NUOVOOOOOOO!
🌊🌊🌊◀️🌊🌊🌊

Marianna  😉 🎁 💓

lunedì 6 agosto 2018

Offline per ricarica! 😊


Anche il silenzio sul web
si pone come un vuoto
per accogliere
novità.

Il Medit-ire online
resterà in silenzio
per qualche settimana.

Non ci saranno le pubbicazioni
da calendario, ovvero quelle del
✅lunedì consapevole
✅mercoledì riposa nell'essenziale
✅ sabato onore ai miei passi.

Sarà bellissimo ritrovarsi dopo questa
pausa di ricarica!

Non dimentichiamo
la connessione tra noi, quella vera.
Live! 🙏💖

A presto e buone vacanze,

con gratitudine

Marianna

venerdì 3 agosto 2018

#sabato Onore ai miei passi


Il tempo è il luogo delle nozze
tra l'umanità e Dio.
Non c'è un tempo
in cui ciò
non possa avvenire.

Dipende da noi
far sacro ogni tempo.

Onore ai tuoi passi, ovunque e comunque,
perché sono espressione
della danza d'amore
umano - divina.

Buon Sabato di Agosto,

Marianna

martedì 31 luglio 2018

#mercoledì riposa nell'essenziale


La scaturigine delle parole è il Silenzio.

Se non dimorano prima
in questa essenzialità,
se non provengono da questa fonte,
le parole rischiano di essere solo
un vuoto tintinnio,
non risuonano di nulla.

Lascia riposare nell'essenziale
le tue parole,
perché con esse crei la realtà.

Se il tuo linguaggio è intollerante
è perché si nutre
alla fonte dell'intolleranza.

Se le tue parole sono balsamo
per chi ascolta
è perché scaturiscono
da un cuore abitato dal Silenzio creativo.

Lascia riposare nell'essenziale
le tue parole.

Potrai cambiare il mondo.
Partendo da te.

Buon Giorno Nuovo di agosto,

Marianna

lunedì 30 luglio 2018

I tempi nuovi... siamo noi

Carissimi amici del Medit-ire,
ieri sera, poco prima di addormentarmi, ho ricevuto in dono queste parole scritte da
R. Panikkar.
Sono state balsamo sulle ferite, vino di condivisione, acqua che ristora il faticoso cammino.

Prendetevi tempo per leggerle e poi lasciatele sedimentare in voi.
Condividetele, anche!
Perché tutti i fondamentalismi vengano stanati in noi ed emerga il tempo nuovo, di una nuova spiritualità.
Quella in cui nessuno possiede la Verità.
Quello in cui tutti ci lasciamo accogliere dalla e nella Verità.

«Quando entri in un dialogo intrareligioso, non pensare prima ciò che tu devi credere.

Quando tu dai testimonianza della tua fede non difendere te stesso o i tuoi interessi costituiti, per quanto ti possano apparire sacri. Fa come gli uccelli del cielo che cantano e volano e non difendono la loro musica e la loro bellezza.

Quando dialoghi con qualcuno, guarda il tuo interlocutore come una esperienza rivelativa, come tu guarderesti – o ti piacerebbe guardare – i gigli dei campi.

Quando intraprendi un dialogo intrareligioso cerca di rimuovere la trave dal tuo occhio, prima di rimuovere la pagliuzza dall’occhio del tuo vicino.

Beato te quando non ti senti autosufficiente mentre sei in dialogo.

Beato te quando credi all’altro perché tu credi in Me.

Beato te quando affronti incomprensioni da parte della tua comunità o di altri a causa della tua fedeltà alla verità.

Beato te quando non attenui le tue convinzioni e tuttavia non le presenti come assolute.

Guai a voi, teologi ed accademici, quando trascurate ciò che gli altri dicono perché lo considerate imbarazzante o non sufficientemente "scientifico".

Guai a voi, praticanti delle religioni, quando non ascoltate il grido dei piccoli.

Guai a voi autorità religiose, perché impedite il cambiamento e la (ri)conversione.

Guai a voi, gente religiosa, perché monopolizzate la religione e soffocate lo Spirito che soffia dove vuole e come vuole».

(da Il dialogo intrareligioso, Cittadella Editrice)

🙏💖