domenica 17 febbraio 2019

domenica #onore ai miei passi


Non c'è un luogo più opportuno
per apprendere le grandi lezioni della vita che la quotidianità.

Ieri la mia piccola, guardando fuori, ha visto la luna ed ha cominciato a saltellare per tutta la casa gridando:
"Mamma, prendi gnuna! (luna😂)".
Allorché io le ho detto che la luna sta molto in alto e dovevamo cercare insieme una soluzione per costruire una scala "lunga lunga" per arrivare alla luna.
Lei, in tutta risposta, è corsa in cucina a prendere un barattolo di latta, è andata alla porta, è salita sul barattolo e faceva tutti gli sforzi possibili per arrampicarsi...
e raggiungere la "gnuna"!!! 😍

Ecco, il dono di una lezione straordinaria,
di quelle di cui i bambini sono imparagonabili maestri:
il primo passo richiede audacia, creatività,
quasi follia.

La felicità è nei passi
più che nei risultati.

Lei, la mia Irene, era felice semplicemente
di aver tentato il possibile (o l'impossibile).

Onore ai nostri passi
folli, audaci, creativi
che sono dono
ancor prima delle mete.

Buon Giorno Nuovo,

Marianna



venerdì 15 febbraio 2019

venerdì #gratitudine


Oggi, otto anni fa, Antonio - il mio sposo -
faceva un colloquio di lavoro che risultò essere ridicolo oltre che fallimentare.
In quel giorno, che sembrava
una sconfitta della speranza,
mi chiese di sposarlo.
Così.

Ed abbiamo insieme fatto un salto
che per molti poteva apparire nel vuoto, folle, senza logica
e che per noi è stata la più grande opportunità.

Oggi sono grata
per tutti i salti nella Vita
fatti ad occhi chiusi e cuore spalancato.

Buon Giorno Nuovo,

Marianna

mercoledì 13 febbraio 2019

Il cuore del Medit-ire

Il brano che segue, tratto dagli insegnamenti settimanali della Comunità Mondiale di meditazione cristiana, esprime al meglio il mio percorso personale.

Il Medit-ire, pur essendo aconfessionale, è nato e resta in questa cara e amata matrice, aperto al Nuovo che avanza.

Buona lettura!

"Che la meditazione, la preghiera contemplativa, sia autenticamente cristiana si può anche percepire dal fatto che in molte tradizioni cristiane la preghiera silenziosa è al  centrale del culto. Nella tradizione carmelitana, Santa Teresa d’Avila, nei primi vent’anni del suo viaggio spirituale, è stata molto influenzata da un libro devozionale popolare del tempo chiamato il “terzo abeccedario spirituale” di Francesco d’Osuna, monaco francescano, che raccomanda di pregare ripetendo una frase spirituale. Sotto la sua guida, è passata dalla preghiera discorsiva ad una preghiera di quiete e addirittura, come dice Teresa, alla preghiera di unione. Queste modalità di preghiera sono caratterizzate da una crescente profondità del silenzio interiore e dell’immobilità. È un modo di aprire il cuore a Dio nella preghiera.

La ‘Preghiera di Gesù’, che divenne nota in occidente nel XIX secolo attraverso un libro incantevole ‘la via di un pellegrino‘ di autore anonimo russo, è la continuazione della tradizione di preghiera nella Chiesa cristiana ortodossa orientale nota come ‘Preghiera del cuore’. Ancora una volta, l’enfasi è sulla ripetizione di una frase di preghiera che conduce al silenzio interiore e alla solitudine. Sia questa tradizione che quella che John Main ha riscoperto per noi negli scritti di Giovanni Cassiano, si basano sugli insegnamenti dei Padri del deserto, in particolare di Evagrio Pontico, fonte importante ed ispirazione per entrambi.

Nell’Inghilterra del XIV secolo è ‘la Nube della non conoscenza’, anch’essa di un autore anonimo, a raccomandare la stessa modalità per pregare. L’autore invita a ‘penetrare nel cuore di Dio con un dardo ardente d’amore‘. Per fare questo abbiamo bisogno di concentrare tutto il nostro amore e attenzione su una parola. Egli suggerisce di usare una parola di una sillaba come “Dio” o “Amore”, che esprime l’intenzione del nostro cuore. Il movimento di Thomas Keating, Centering Prayer [Preghiera di centratura], trae ispirazione da questo libro. L’autore de ‘la Nube della non conoscenza’ esprime ciò che è dietro tutto l’insegnamento della mistica cristiana tradizionale, cioè dobbiamo lasciar andare i pensieri concentrandoci sulla nostra parola: ‘fissala nella mente in modo che rimarrà lì in qualsiasi circostanza’. O come John Main diceva sempre: ‘Semplicemente ripeti la tua parola’ .

Tutte le guide spirituali menzionate fanno parte di quella che è conosciuta come la tradizione mistica di ‘via negativa’, in cui Dio è inconoscibile e non esprimibile per i nostri limitati poteri razionali. Perciò dobbiamo lasciar andare il pensiero, tutti i pensieri, sia di cose mondane che spirituali, per diventare più aperti a lui e ascoltare profondamente la ‘voce ancora piccola’. L’enfasi è sull’Amore, sull’amorevole e  fedele ripetere la tua preghiera. Le differenze nel nostro tempo tra, per esempio, la tradizione carmelitana, la “Centering Prayer” e La Comunità mondiale per la meditazione cristiana sono molte meno delle corrispondenze tra le nostre rispettive vie di preghiera. Possiamo trarre la nostra ispirazione da fonti diverse, ma siamo tutti impegnati a ricongiungere le persone sul cammino spirituale con un modo di pregare autentico che conduce al silenzio e alla consapevolezza della presenza di Dio nel nostro cuore".

Kim Nataraja

Se vuoi

TACI FUGGI RIPOSA
intensivo di meditazione
dal 22 al 24 marzo


Per info e prenotazioni chiama
3282572702

🙏💞

mercoledì #riposa nell'essenziale


La vita è inarrestabile.

Se apri le orecchie,
il cuore,
gli occhi,
la puoi sentire.

L'essenziale
s'è fatto visibile
per manifestare
l'invisibile.

Buon Giorno Nuovo,

Marianna

lunedì 11 febbraio 2019

lunedì #consapevole


Ci sono bambini capaci di vedere un boa che ha mangiato un serpente,
altri a cui bisogna spiegarlo.
Quei bambini poi diventano grandi
e si distinguono in adulti capaci di empatia,
creatività,
aperti alle diversità
e adulti,
adulti... senza memoria di ciò che conta davvero agli occhi dei bambini
(anche quelli di 90 anni).

La consapevolezza di questo
ci evita spiacevoli delusioni.
Forse.

Non siamo tutti uguali
né dentro e né fuori.

Quell'adulto che oggi manifesta segni di durezza di cuore
è stato un bambino a cui hanno strappato un disegno (perché ritenuto brutto!) e tarpato ogni aspirazione.

Oggi, in questa consapevolezza,
ho compassione di chi non ce la fa
a metterci il cuore in tutte le cose
e ho attenzione a non calpestare i sogni
dei bambini di ogni età.

Buon Giorno Nuovo,

Marianna